Go Back   Science Forums Biology Forum Molecular Biology Forum Physics Chemistry Forum > Regional Molecular Biology Discussion > Forum Chimica
Register Search Today's Posts Mark Forums Read

Forum Chimica Forum Scienza Chimica. Italian Chemistry Forum.


Cromatura plastica

Cromatura plastica - Forum Chimica

Cromatura plastica - Forum Scienza Chimica. Italian Chemistry Forum.


Reply
 
LinkBack Thread Tools Display Modes
  #1  
Old 04-28-2006, 10:46 AM
Fallenius
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica



Salve a tutti, ho letto con molto interesse i thread sulla galvanostegia e
la stagnatura del rame, ma la domanda che mi sovviene è questa: e possibile
depositare del metallo su un materiale che non sia anch'esso conduttore di
elettroni, tipo la plastica. Premetto che sono un modellista e se riuscissi
a trovare il modo per cromare la plastica farei un grande piacere alle mie
scarse finanze da studente.
Ho letto che normalmente la cromatura di materiale plastico viene effettuata
in bagno galvanico utilizzando un primo strato di nichel per la lucentezza e
successivamente uno strato di cromo per rendere la superficie resistente
all'ossidazione. Chi ha riprodotto l'esperienza in casa ha utilizzato una
soluzione elettrolitica (magari un sale di rame o nichel, come
"aggrappante") spruzzata sulla plastica in modo da condurre l'elettricità,
oppure si ricopre il pezzo con della grafite (non ho ancora capito come).
Mi servirebbe un suggerimento, anche minimo, per iniziare, perché il
problema è proprio questo:come faccio a depositare il primo strato di
metallo sul polistirene?



Reply With Quote
  #2  
Old 04-28-2006, 12:02 PM
Soviet_Mario
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica

Fallenius ha scritto:

per il primo strato, esistono svariati (ma non me ne intendo)
metodi di deposizione chimica (sono anche metodi generalmente
più efficaci, inteso come omogeneità di spessore, per pezzi di
forma complessa e frastagliata, e/o pezzi non conduttivi).
Oltre alle soluzioni pronte, già formulate, molte metodiche
chimiche sfruttano l'uso di un catione o complesso anionico,
solubili, del metallo da deporre, mescolato in situ con un
riducente di forza adeguata al metallo stesso (controllando pH,
concentrazioni, interferenti e tutto quanto).

Alcuni classici riducenti chimici in situ sono

formiato di sodio / idrossido di sodio : HCOO(-)
formaldeide acquosa a pH fortemente basico (ma non a caldo, mi
pare) : CH2O
idrosolfito o metabisolfito (ambiente acidulo o basico a seconda
del vettore del metallo, cationico o rispettivamente complesso
anionico) : HSO3(-) / S2O5(2-)
boridruro di sodio o ammonio (il pH non so quale sia ottimale
per le deposizioni, ma a piacchi acidi molto riducente si sciupa
sviluppando idrogeno) : BH4(-)
idrazina o idrossilammina e basi : N2H4 o H2NOH
ditionito di sodio : S2O4(2-)
ipofosfito (adatto persino per zincare) : H2PO2(-)

Ho tentato un po' rozzamente di metterli in ordine di forza
crescente (anche se ciò non è manco possibile, perché il solo E°
mostra solo una fetta della reattività effettiva, in condizioni
reali, e perché non ricordo esattamente i potenziali).
cationi molto nobili, come argento, al limite rame, tenderanno a
deposistarsi anche coi riducenti più modesti.
Cationi poco ossidanti, come cromo, zinco, solo coi più
energici. Tutto ciò, cinetica and termodinamica non ostando.
ciao
Soviet_Mario

Reply With Quote
  #3  
Old 04-28-2006, 12:31 PM
Busto Brewers
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica

....oppure un economicissimo sputtering di lamina d'oro... :-)

BBTex


Reply With Quote
  #4  
Old 04-28-2006, 02:14 PM
Fallenius
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica

E lo sfizio di farcela da solo dove lo metti )


"Busto Brewers" <bustobrewersNOSPAM@hobbybirra.it> ha scritto nel messaggio
news:e2t1vb$t3e$1@area.cu.mi.it...


Reply With Quote
  #5  
Old 04-28-2006, 02:42 PM
GahanaWay
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica

Potersti provare con un paio di trucchetti che potrebbro funzionare al
livello "casalinco/eccio", poiche sarebbe troppo specialistico altrimenti
(in quanto le mestcheria dubito possano avere specifici polimeri.....).

Dato che, dici essere di PTS (polistirene alta densità) il tuo soldatino,
questa plastica è facilmente "rammollibile superficialmente" o tecnicamente
passibile di "swell" superficiale (come fosse sciolto, liquefatto a
temperatura ambiente), da alcuni solventi abbastanza
agevolnmente reperibili in mesticheria. Da qui due possibili techniche:

1) Immergi per 2-4 minuti il soldato in una soluzione 1:1 con acqua e un
"decapante" (sverniciante che dir si voglia), che sia pero a base di
N-metilpirrolidone (solvente lento, ma 100% solubile in acqua), ove nella
soluzione hai introdotto dei "glitter" (finissima polvere di limature
metalliche - ottone, alluminio, rame, etc..-, le stesse con le quali si
ottiene l'effetto metallizzato sulle carrozerie auto). Allorche la
superficie della plastica si è ammorbidita e divvenuta appiccicosa (occhio
ai tempi perche PTS può sciogliersi e tendenderai a perdere i particolari),
i glitter vi si appiccicheranno. Magari agita i soldato nella soluzione per
uniformare l'adesione del glitter, poi mettilo ad asciugare, magari sotto
calore del fon. Avrai cosi creato una superficie "metallizzata",
medio-aderente alla superficie, perche semi immersa nella plastica. Hai cosi
una superfici conduttrice per il giorno dopo, da poter galvanizzare con
cromo , o quant' altro.

2) Il principio dello swell superficiale è identico a prima, solo che ora,
se ne hai possibilità, lo applichi a spruzzo con aerografo (o se proprio
vuoi rischiare di perere in "dettagli" perche sei uno al quale piacce
l'adrenalina ), pui provare a pennello morbido.
Il decapante è quello di prima, solo che ora gli spruzzi una mano più
diluita: ... diciamo 1:2 , 1:3 in acqua.Fai evaporare l'acqua sompre con
aria calda, ne frattempo che il metilpirrolidone agisce. Puoi ripetere il
processo se credi. Ti accorgerai che la superficie è appiccicosa, ecco che
puoi disperdere abbondanti glitter in acqua semplice o addizionata di un
10-30% di NMP, e spruzzarli sul substrato. Se proprio vuoi esagerare, è qui
la chicca, dovresti trovarti una resina PUD (tipo la vernice protettiva
finale per la carrozzaria) da ggiungere a non più di un 10%, per meglio
fissare i glitter. bagno Galvanico.

3) Invece che il decapante ad "acqua", pui provare con quelli a solvente:
xilene (lento e molto efficace), acetone (non quello per le unghie perche
troppo diluito e non agisce) dovresti trovare quello puro e tagliarlo
esattamente 1:1 con alcool denaturato poi, se vuoi, aggiungi 1 parte di
acqua (è utile per aggredire la superficie, ma comungue evapora trroppo
velocemente), se lo trovi puoi usare del cicloesanone o pentanone, molto piu
lenti dell' acetone assoluto.



"Fallenius" <[Only registered users see links. ]> ha scritto nel messaggio
news:4451f264$0$36935$[Only registered users see links. ].tin.it ...
possibile
riuscissi
effettuata
e




Reply With Quote
  #6  
Old 04-28-2006, 03:28 PM
Fallenius
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica

Grazie ragazzi, siete mitici!! L'idea dello swelling superficiale potrebbe
essere una soluzione anche perché ho notato (da profano) che spruzzando
diluente nitro (è nitrobenzene vero?) intacca solo la parte superficiale del
pezzo (a meno che non lo si tenga a mollo overnight), anche perché in genere
i kit di modellismo prodotti a stampo sono sempre ricoperti di una patina di
agente distaccante, che penso dovrebbe proteggere dall'azione del solvente.
Anche il bagno in nichel autocatalitico (Ni+ con sodio ipofosfito a pH
alcalino) potrebbe essere un idea e non ci sarebbe nemmeno l'eventuale
problema di perdita di dettagli e di deformazione della plastica.

Correggetemi se sbaglio!!!

Proverò a procurarmi il necessario e fare delle prove.

Reitero: siete mitici!!!

Fallenius


"GahanaWay" <[Only registered users see links. ]> ha scritto nel messaggio
news:44522ad7$0$36933$[Only registered users see links. ].tin.it ...


Reply With Quote
  #7  
Old 04-28-2006, 05:18 PM
GahanaWay
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica

diluente nitro, non è nitrometano..... forse saresti già saltato in
aria......
la patina di distaccante ( o desmoldante), sono in genere cere
microcristalline in dispersione, e NON servono per proteggere dal solvente,
ma solo, credo, per agevolmente distaccare il pezzo dallo stampo (mold).
I glitter costano dai 60 ai 200 ? /kg, ma a te serviranno pochi grammi.

un' altra soluzione che mi sovviene ora, ma forse troppo professionale (me
le campionarono dal Giappone), e ben funzionanti per il PE, sono dispersioni
di PE funzionalizzate con aldeide glutarica, che applicate sul substrato e
lievemente scaldate (40-70°C), legano al PE/PP da un lato , mentre sull'
altro rimangono adesive.


"Fallenius" <[Only registered users see links. ]> ha scritto nel messaggio
news:445234a9$0$18295$[Only registered users see links. ].tin.it ...
del
genere
di
solvente.
altrimenti
soldatino,
nella
(occhio
sotto
il
che
un
solvente:
perche
galvanostegia
resistente
una
come).


Reply With Quote
  #8  
Old 04-28-2006, 06:02 PM
Fallenius
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica

Beh, come dire, quando avrò bisogno di effettuare una crash test del mio
laboratorio di modellismo userò nitrometano, grazie per la dritta ).
Grazie ancora!!!

"GahanaWay" <buffering@virgilio.it> ha scritto nel messaggio
news:44524f27$0$36932$4fafbaef@reader3.news.tin.it ...


Reply With Quote
  #9  
Old 04-28-2006, 08:59 PM
Max
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica

Fallenius ha scritto:

Un banale (e economico) suggerimento che a breve voglio provare anch'
io.... GRAFITE SPRAY !
Una sana spruzzata (anzi, mi par di ricordare di aver letto che piu'
mani e' ovviamente meglio), e la plastica (o qualsiasi altra cosa)
diventano sufficientemente conduttive da poter applicare una
galvanizzazione normale.
Occhio a 2 cose (sempre lette e NON ANCORA provate) :
1 - La grafite spray non e' un conduttore meraviglioso, quindi il
deposito tende ad intensificarsi vicino al cavo di collegamento al
negativo e diradarsi man mano.. Ho letto che una soluzione e' di
sollevare lentamente il pezzo sottoposto a deposizione dal bagno man
mano che si ricopre.
2 - La grafite spray e' in solvente sintetico, quindi ocio a non fare
pasticci su supporto plastico, magari fai una prova su un pezzo di scarto !

Per la ramatura, poi, te la cavi veramente con 2 lire, solfato di rame,
un anodo in rame o alla peggio in inox (in quest' ultimo caso devi
reintegrare il solfato di rame dopo un po') e acido solforico da batteria.
Se vuoi stagnare... Le ricette sarebbero varie, sia per bagni acidi
(solfato stannoso e acido solforico) che alcalini (stannato di
sodio/potassio e idrossido di sodio/potassio)... piu' addittivi che io
non conosco e quindi non uso che darebbero la brillantezza alla
superficie e l' uniformita' di deposizione.

Se poi vuoi stagnare senza disporre di quasi nulla, provi come ho fatto io :
Bagno di acido solforico al 10-15% (elettrauto)
Anodi di stagno puro (e-bay sulla Germania e ne trovi....)
e... basta !
Corrente MOLTO bassa e pazienza, lo stagno si dissolve creando il
solfato stannoso e funziona.
Ottieni un deposito opaco che pero' puoi lucidare a specchio (questo l'
ho provato e viene davvero bello).
Se usi le leghe stagno/piombo da saldatura funzia lo stesso, ma ottieni
una copertura in stagno/piombo, quindi NON adatta a oggetti x alimentazione.

Se hai 2 lire in piu'... [Only registered users see links. ] e trovi tutto x fare le cose per
bene. Ovviamente, lo svuotamento delle tasche e' direttamente
proporzionale alla perfezione che vuoi raggiungere. (anzi, visti i
prezzi, direi esponenzialmente proporzionale....)

Altra ricetta (senza dosi, non me le ricordo ma se fai una ricerca in
inglese le trovi) si compone di Tiourea (cancerogena e velenosa) e
clururo stannoso; stagni 'electroless', cioe' senza corrente elettrica
con solo l' immersione. Sempre materiale conduttivo, comunque.

Fammi sapere se ti va tutto bene !

Ciao

Max
Reply With Quote
  #10  
Old 04-28-2006, 10:25 PM
Soviet_Mario
Guest
 
Posts: n/a
Default Cromatura plastica

Fallenius ha scritto:


non è né nitrobenzene (tossico) né nitrometano, ma molto spesso
è una miscela in cui prevale Toluene, se non proprio toluene e
qualche po' di xileni. In realtà il nome nitro c'entra, ma non
con la composizione del solvente, quanto piuttosto con una delle
vernici elettive su cui agisce bene, le vernici "alla nitro"
(che penso abbiano mono e di nitro cellulose come filmogeni ....
forse più mono che di, perché le dinitro sono già tremendamente
infiammabili).


non so però quale sia il riducente ottimale per il nichel. Il
nichel a pH alcalino dovrebbe essere cmq veicolato in qualche
forma solubile, magari nichelati a valenza alta o altri
complessi (che non ricordo). L'ipofosfito è considerato un
riducente piuttosto energico.
ciao
Soviet

Reply With Quote
Reply

Tags
cromatura , plastica


Thread Tools
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Trackbacks are On
Pingbacks are On
Refbacks are On

Forum Jump

Similar Threads
Thread Thread Starter Forum Replies Last Post
Pasta sintetica FIMO e plastica IgGgiàIgMmò Forum Chimica 0 07-05-2007 08:54 AM
Incollare la plastica A.C. Forum Chimica 2 11-25-2006 05:31 PM
acetone scioglie plastica so pien de yen Forum Chimica 6 09-01-2006 09:57 AM
Ricerca: Produrre la plastica Giulio Forum Chimica 11 10-18-2005 09:15 PM
Bottiglie in plastica cancerogene e meningite da zanzare Tizio Forum Biologia 1 02-18-2005 08:01 PM


All times are GMT. The time now is 05:32 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright 2005 - 2012 Molecular Station | All Rights Reserved
Page generated in 0.19087 seconds with 16 queries