Go Back   Science Forums Biology Forum Molecular Biology Forum Physics Chemistry Forum > Regional Molecular Biology Discussion > Forum Biologia
Register Search Today's Posts Mark Forums Read

Forum Biologia Forum Scienza Biologia. Italian Biology Forum.


[Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis

[Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis - Forum Biologia

[Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis - Forum Scienza Biologia. Italian Biology Forum.


Reply
 
LinkBack Thread Tools Display Modes
  #1  
Old 09-22-2005, 09:25 AM
Rubens
Guest
 
Posts: n/a
Default [Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis



Chiedo un'ulteriore informazione sull'argomento dato che sono
interessato ad acquistare il libro che riporta in versione cartacea il
suddetto codice.

Dato che costa 41 euro più spese di spedizione dalla Germania vorrei
sapere se:

1. C'è un modo per acquistarlo in una libreria italiana?

2. All'interno del suddetto codice viene spiegato quale è l'elemento
comune caratterizzante di ogni singolo "insieme" tassonomico? (per
esempio se viene spiegato che l'insieme delle gymnospermeae ha come
elemento comune caratterizzante il fatto che il seme sia nudo, ovvero a
contatto diretto con l'esterno)

3. Viene spiegata l'etimologia del nome di ogni singolo "insieme"
tassonomico? Ad esempio il nome dell'insieme gymnospermeae deriva da
due parole greche: gymno (trad.nudo) e spermeae (trad.seme).

Grazie per la vostra conoscenza e voglia di condivisione di tale.

Rubens
Firenze - Italia

Reply With Quote
  #2  
Old 09-22-2005, 11:25 AM
Dominio Digitale
Guest
 
Posts: n/a
Default [Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis

"Rubens" <[Only registered users see links. ]> ha scritto

Solo se ti rivolgi a librerie specializzate nell'import di libri
scientifici non tradotti (qui a Roma, ad es., ESIA Book a Via Palestro).
Io ho provato a chiederlo alla SBI ma non mi hanno mai risposto :-((



No. Dopo aver spiegato nel dettaglio le regole da seguire per associare una pianta
ad un nome, ti dice che ad es. non esiste il "Pincopallus ammodomius" perché me lo
sono inventato ora... Le caratteristiche botaniche sono date per scontate perché cmq il
codice non rivoluziona le definizioni classiche; per spiegazioni sugli elementi comuni
dei gruppi devi leggerti qualche testo di botanica generale e le flore
locali (es. Pignatti : Flora d'Italia) dove ci trovi anche l'ecologia della pianta.
Chiaramente il Pignatti è fortemente retrodatato (se non sbaglio credo sia
un lavoro vecchio di 30-40 anni) e quindi potrai apportare le opportune "correzioni"
di nomenclatura e di inquadramento tassonomico in base al St.Louis.



No, per quello ci sono i testi di Botanica (es. Raven, Gerola...)


Ma io cmq non ho ancora capito a cosa ti serva esattamente questo lavoro...
Cerchi l' "elemento comune di ogni singolo insieme"... cioè????

Ciao
--
Andrea
***
Si deve portare il massimo rispetto per *ogni* cosa che cresca
in modo esponenziale, non importa quanto piccola essa sia...
(Garrett Hardin - 1968)

Io ne ho viste cose che voi Umani non potreste immaginare...
(Blade Runner - 1982)
Reply With Quote
  #3  
Old 09-23-2005, 04:40 PM
Rubens
Guest
 
Posts: n/a
Default [Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis

Dominio Digitale <[Only registered users see links. ]> ha scritto:

lavoro...

Passione, pura sete di conoscenza del regno vegetale e delle leggi che
l'uomo ha creato per classificarle.


Ok partiamo dal presupposto che le forme di vita vegetale esistenti sono
numericamente troppe, e quindi anche i lori insiemi in cui vengono
raggruppati, per poter far stare le spiegazioni sia etimologiche che
tassonomiche in un singolo libro.

Allora vorrei partire con il conoscere l'etimologia e gli elementi comuni
caratterizzanti dall'insieme "angiosperme" in giù, fino ad arrivare agli
insiemi delle famiglie, ma senza addentrarmi nella conoscenza delle varie
caratteristiche specifiche delle singole specie.

Insomma voglio partire dalle basi tassonomiche fino ad arrivare, un
giorno, a conoscere anche le singole specie del regno vegetale.

Spero di aver ulteriormente chiarito il mio intento in modo che possiate
suggerirmi un testo da leggere su cui investire il mio tempo libero.

Ringrazio pubblicamente Dominio Digitale per la conoscenza e il tempo
che ha dedicato per potermi rispondere.

Grazie ancora.

Rubens
Firenze - Italia

Reply With Quote
  #4  
Old 09-23-2005, 07:46 PM
fuzzy
Guest
 
Posts: n/a
Default [Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis

Il 23 Set 2005, 18:40, "Rubens" <[Only registered users see links. ]> ha scritto:

Attenzione.
Stiamo attenti a non cadere nell'errore classico di credere che un
raggruppamento per "elementi comuni" (in semiotica "tratti pertinenti"
in teoria delle classi "note caratteristiche" ecc. ecc.) sia un criterio
sufficiente o univoco... specialmente come chiave di discernimento
di specie.

Raggruppamenti per "tratti comuni" se ne possono fare di diversi tipi
a seconda dello scopo concreto, del fine, del raggruppare. Ora
i vari modi possono creare gruppi che si intersecano tra loro, nel senso che
un organismo puo' appartenere a due o piu gruppi.

Per non parlare poi del fatto che oltre al criterio di raggruppamento
per "elemento comune" ve ne sono altri (es. il raggruppamento
per somiglianza di famiglia)... conoscerai immagino la fenetica,
la cladistica, l' evoluzionistica, ...
insomma non esiste un unico criterio universale.

Non vorrei che si pensasse ancora al "tipo" ideale, sarebbe un ritorno
al pensiero tipologico in biologia... cauti!

fuzzy


--------------------------------
Inviato via [Only registered users see links. ]
Reply With Quote
  #5  
Old 09-23-2005, 08:30 PM
Dominio Digitale
Guest
 
Posts: n/a
Default [Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis

"Rubens" <[Only registered users see links. ]> ha scritto

Credo che generalizzare la questione come vuoi fare tu, oggi sia impossibile.
Cerco di spiegare il perché: se non ho capito male vuoi fare un lavoro di Sistematica
( ossia vuoi ricostruire l'intera cronologia degli eventi evolutivi che ha portato all'
attuale diversità ), magari innestando su ciò anche conoscenze di Etnobotanica
( ossia concetti che seguono le tradizioni locali per la nomenclatura delle piante )...
Fico! però... già di per sé "sistematica" è un concetto difficile da definire
in modo rigido e meccanico come l'hai descritto nei tuoi intenti.
Per farti comprendere meglio la complessità del problema "classificazione":
hai chiesto del codice St.Louis, ti ho contro-citato
il sistema APG; bene: esiste anche un sistema Cronquist, un sistema Thorne,
un sistema Judd... tutti ugualmente convalidati e seguiti, addirittura a seconda delle esigenze.
L'ultimo autore, Judd, ha impostato la descrizione tassonomica raggruppando
alcuni taxa secondo un sistema "didatticamente più valido"... un gran bel casino
(per preparare gli esami di Botanica Sistematica e Flora Italiana,
infatti, c'ho messo un anno!!).

Come ho già detto, fatte salve le raccomandazioni del St.Louis per assegnare nomi,
ogni autore ha proposto una sua revisione del "sistema natura" che è poi stata
convalidata in sede internazionale nel corso dei decenni.
Il problema centrale è che i Sistematici formulano continuamente ipotesi
sull'esistenza di rami dell'albero della vita e sulla sua cronologia
con dimostrazioni derivate da una grande varietà di fonti e ciò genera
sempre classificazioni provvisoriamente ritenute valide rispetto ad altre.

Un obiettivo come quello che ti sei posto, parte secondo me da un presupposto quasi esclusivamente
morfologico (per le tue possibilità casalinghe) che non regge in confronto - e qui so di essere monotono - con
i nuovi dati relativi ad es. ai genomi plastidici o ad oligosequenze
enzimatiche, conservate o perdute lungo le linee evolutive.
Questa disciplina si chiama Sistematica molecolare e sta provvedendo ad una
grande revisione delle tassonomie fin qui descritte.
Sulla mia scrivania ogni giorno si accumulano pacchi di articoli con queste nuove
revisioni... stare appresso a tutto è affascinante, ma è tosta....
Il senso pratico di tutto ciò - magari, se ti interessa - proverò a spiegarlo in seguito....

In ogni caso, il confronto dei dati morfologici che puoi estrapolare dalle flore risulterebbe vecchio
e superato perché le flore stesse sono vecchie di decenni.
Da cui l'utilizzo della dissezione genetica, i cui risultati però sono lenti a venire
per la necessità di non pubblicare baccate a raffica ;-)

Alla luce di ciò: non esiste un testo unico come chiedi.
Per tenerti realmente aggiornato dovresti leggere gli articoli scientifici di revisione tassonomica che
escono in continuazione sulle riviste tecniche specializzate, in funzione con
il procedere delle indagini biomolecolari (però, ripeto, questo approccio è appena agli inizi),
e tali articoli ovviamente descriveranno ambiti molto ristretti.
Ad es. io mi occupo di Malerbologia (piante infestanti) e per questo quindi
quasi esclusivamente di Poaceae... ti assicuro che già così non è poco! ;-)

Puoi cmq avere un'idea del problema leggendo questo testo "tecnico":
"Botanica Sistematica, un approccio filogenetico".
Judd, Campbell, Kellogg, Stevens. Ed. Piccin (60 euro).
Ci trovi descritti anche "etimologia ed elementi comuni caratterizzanti le piante"
pur se in linea generale, ovviamente.

L'elenco dei vari taxa invece sta in St.Louis Code, Sistema APG, IntKey Database,
a tua scelta, disponibili anche sul web.
Es : [Only registered users see links. ]
Bello anche il sito : [Only registered users see links. ],
la bibbia anglosassone della nomenclatura botanica

Pufpuf... scusa la prolissità, quando ce vò ce vò... ;-)
spero di aver dipanato un po' meglio la matassa.

Ciao
--
Andrea
***
Si deve portare il massimo rispetto per *ogni* cosa che cresca
in modo esponenziale, non importa quanto piccola essa sia...
(Garrett Hardin - 1968)

Io ne ho viste cose che voi Umani non potreste immaginare...
(Blade Runner - 1982)
Reply With Quote
  #6  
Old 09-24-2005, 10:39 AM
Rubens
Guest
 
Posts: n/a
Default [Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis

Dominio Digitale <[Only registered users see links. ]> ha scritto:


Ringrazio infinitimente Dominio Digitale sia per le sue conoscenze specifiche
ma sopratutto per il suo grande altruismo nel condividere le sue conoscenze
con altre persone.

Ho letto con attenzione il post precedente al mio, il mio personale "intuito"
mi aveva già portato a pensare che fare una classificazione "a vista" delle
specie botaniche sia meno precisa di una classificazione genetica.

A parte appunto la mia sete di conoscenza specifica dell'argomento che mi
porterà a comprare il testo che Dpminio Digitale mi ha suggerito di studiare,
il mio vero scopo finale è quello di conoscere e perchè no scoprire (un
giorno futuro...chissà) le proprietà "benefiche" e "malefiche" di ogni
singola specie vegetale per l'uomo, quella che viene chiamata fitoterapia
credo...quelle vecchie conoscenze pratiche che si sono "nascoste" con
l'industrializzazione della società, l'andare in giro per boschi e saper
riconoscere a prima vista una pianta e sapere cosa da essa si può ricavare,
conoscere i legami tra stagioni e piante. Questo è il mio vero scopo finale
ma voglio partire da un'impostazione scientifica e non empirica.

E' chiaro che la mia sarà una ricerca casalinga; magari avessi gli strumenti
a casa per fare un'analisi genetica delle piante che raccolgo nel
bosco...chissà magari un giorno sarà una tecnologia meno costosa e più
accessibile di oggi.

Intanto parto col comprare e studiare il testo suggeritomi, poi vedremo quali
idee mi farà scaturire nella mia mente.

In fondo ogni studio deve avere uno scopo finale, il cui risultato
possa "arrivare" alle generazioni future.

Intanto ho iniziato a fare 3 foto ad ogni specie botanica visibile ad occhio
nudo che incontro per il bosco (vivo in Toscana e ce ne sono tanti), le sto
mettendo in delle cartelle (di windows) in attesa di un futuro riconoscimento
certo delle specie.

Non faccio altre domande in quanto oggi la prima cosa che farò è andarmi a
comprare quel testo, magari se lo trovassi usato sarebbe anche meglio...

Se quello che ho scritto in questo messaggio vi suscita delle riflessioni che
volete rendere pubbliche sarò curioso di leggerle con attenzione, sopratutto
quelle di Dominio Digitale... ;-)

Alla prossima.

Rubens
Firenze - Italy

Reply With Quote
  #7  
Old 09-25-2005, 09:25 AM
Dominio Digitale
Guest
 
Posts: n/a
Default [Tassonomia] Libro sul codice di St. Louis

"Rubens" <[Only registered users see links. ]> ha scritto

;-) Il ng esiste proprio per condividere idee e conoscenza...
se hai altri quesiti posta pure, che qualcuno sicuramente risponderà.



Beh, che dire... In linea perfetta con la mia rappresentazione romantica della botanica
che mi ha spinto a studiare la materia in questione.... e che, nonostante genomi
e biologia molecolare, continua ad essere il punto di riferimento del mio lavoro.

Ciao e buono studio/proseguimento....
--
Andrea
***
Si deve portare il massimo rispetto per *ogni* cosa che cresca
in modo esponenziale, non importa quanto piccola essa sia...
(Garrett Hardin - 1968)

Io ne ho viste cose che voi Umani non potreste immaginare...
(Blade Runner - 1982)
Reply With Quote
Reply

Tags
codice , libro , louis , sul , tassonomia


Thread Tools
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Trackbacks are On
Pingbacks are On
Refbacks are On

Forum Jump

Similar Threads
Thread Thread Starter Forum Replies Last Post
Un nuovo libro sulle penne e sul mimetismo degli uccelli marco Forum Biologia 0 11-04-2005 09:51 PM
Scienza: le piante hanno un codice genetico di scorta \(¯`·.¸Emael¸.·´¯\) Forum Biologia 0 03-24-2005 05:54 PM
Biologia Sintetica 3: Riscrivere il codice genetico Emael Forum Biologia 1 01-19-2005 01:32 AM
Il libro di Tizio Tizio Forum Biologia 2 09-20-2004 06:42 PM
Prova evoluzione:"Donna partorisce rana" Fred Forum Biologia 187 08-27-2004 12:31 PM


All times are GMT. The time now is 11:32 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright 2005 - 2012 Molecular Station | All Rights Reserved
Page generated in 0.17718 seconds with 16 queries