Go Back   Science Forums Biology Forum Molecular Biology Forum Physics Chemistry Forum > Regional Molecular Biology Discussion > Forum Biologia
Register Search Today's Posts Mark Forums Read

Forum Biologia Forum Scienza Biologia. Italian Biology Forum.


Bicarbonato, dieta ipoproteica e cancro

Bicarbonato, dieta ipoproteica e cancro - Forum Biologia

Bicarbonato, dieta ipoproteica e cancro - Forum Scienza Biologia. Italian Biology Forum.


Reply
 
LinkBack Thread Tools Display Modes
  #1  
Old 11-20-2004, 03:15 PM
Tizio
Guest
 
Posts: n/a
Default Bicarbonato, dieta ipoproteica e cancro



BICARBONATO DI SODIO DIETA IPOPROTEICA E CANCRO


EFFICACIA DELLA CHEMIOTERAPIA RICONOSCIUTA DALLA MEDICINA UFFICIALE:
La dieta povera di proteine e l'ingestione di bicarbonato di sodio
dovrebbero avere l'effetto di rallentare il metabolismo e la moltiplicazione
delle cellule, non di bloccarli, mentre i farmaci chemioterapici
riconosciuti dalla medicina ufficiale bloccano l'attività metabolica e la
moltiplicazione delle cellule, quindi sono più efficaci.

--- Da enciclopedia ---
Alcuni tumori, ad esempio il cancro dell'utero, la leucemia acuta
(soprattutto nei bambini), il linfoma di Hodgkin e il linfoma
gigantocellulare, il carcinoma del testicolo e molti tipi di cancro dei
bambini sono così sensibili alla chemioterapia che in un'alta percentuale di
casi possono guarire.
--- Fine ---



LA CHEMIOTERAPIA:
Gli effetti della chemioterapia consistono nel bloccare la replicazione
cellulare sia delle cellule sane che di quelle cancerose. Le cellule sane
sono meno vulnerabili ai farmaci e quindi, dopo il trattamento
chemioterapico, hanno una maggiore capacità di ricostruzione dei tessuti.
Ciò permette alle cellule normali di ripopolare un tessuto malato. Tuttavia,
qualora restino cellule tumorali non distrutte, è possibile che si verifichi
la ricomparsa del tumore; Ciò dipende dal numero di cellule tumorali
sopravvissute e dall'efficienza del sistema immunitario del paziente nel
distruggerle. Siccome le cellule sane del midollo osseo si dividono più
velocemente delle cellule cancerose, recuperano più rapidamente, ciò
permette di ripetere un ciclo di cura prima che il tumore sia ricresciuto.
La chemioterapia di combinazione, che impiega numerosi farmaci, rende meno
probabili fenomeni di resistenza.


COME SEGUIRE LA DIETA IPOPROTEICA E INGERIRE IL BICARBONATO DI SODIO:
Se il paziente è impossibilitato a seguire una terapia chemioterapica, può
ridurre la velocità della crescita del tumore seguendo una dieta povera di
proteine e, o, ingerendo bicarbonato di sodio.

IMPORTANTE: La dieta povera di proteine o l'ingestione di bicarbonato di
sodio, dovrebbero avere l'effetto di rallentare la moltiplicazione delle
cellule sia di quelle cancerose che di quelle sane tra le quali ci sono
quelle che producono globuli rossi bianchi e piastrine; Se i globuli bianchi
tra i quali i linfociti scendono troppo, siccome questi aggrediscono il
tumore, si verificherà un incremento della velocità di crescita del tumore
dovuta alla riduzione di cellule del sistema immunitario, oltre che un
aumento del pericolo di contrarre infezioni. Se i globuli rossi scendono
troppo, il paziente sarà poi costretto a sottoporsi a trasfusioni di sangue.
Ecco perchè è importante che la dieta povera di proteine e l'ingestione di
bicarbonato di sodio, vengano usate sotto controllo medico anche se il
paziente non sta seguendo la chemioterapia: Il medico effettuerà il
conteggio degli elementi corpuscolati del sangue (globuli rossi bianchi e
piastrine) che se scendono sotto un determinato numero, indicheranno al
medico di sospenderle.


Se il paziente segue una terapia chemioterapica (che da benefici maggiori),
in tal caso occorre fare in questo modo:

Si fa il primo ciclo di chemioterapia, senza seguire la dieta ipoproteica e
senza ingerire bicarbonato di sodio.

Gli effetti della chemioterapia consistono nel bloccare la replicazione
cellulare sia delle cellule sane che di quelle cancerose.

Tra un ciclo e l'altro durante il quale al paziente non vengono
somministrati i farmaci chemioterapici non bisogna seguire la dieta
ipoproteica ne ingerire bicarbonato di sodio, perchè in tal modo si
comprometterebbe il recupero dei tessuti sani:

Le cellule sane devono ripopolare il tessuto malato, il midollo osseo deve
fabbricare globuli rossi e globuli bianchi, tra i quali i linfociti che
miglioreranno l'efficienza del sistema immunitario del paziente nel
distruggere le cellule cancerose rimaste.

Le cellule sane sono meno vulnerabili ai farmaci e quindi, dopo il
trattamento chemioterapico, hanno una maggiore capacità di ricostruzione dei
tessuti.

Se il medico constata che l'efficacia della chemioterapia è divenuta
insufficiente nel contrastare il tumore a causa del fenomeno della
resistenza, può prescrivere, nel ciclo successivo, contemporaneamente ai
tradizionali farmaci chemioterapici, la dieta povera di proteine e, o,
l'ingestione di bicarbonato di sodio, sempre che non compaiano altri effetti
collaterali, però durante tale periodo, occorrerebbe tenere sotto controllo
gli elementi corpuscolati del sangue (globuli rossi, bianchi, piastrine) che
se scenderanno sotto un determinato numero, indicheranno al medico di
sospenderle. Infatti la dieta povera di proteine e l'ingestione di
bicarbonato di sodio dovrebbero avere l'effetto di rallentare la
moltiplicazione delle cellule sia di quelle cancerose che di quelle sane tra
le quali ci sono quelle che producono globuli rossi bianchi e piastrine; Se
i globuli bianchi tra i quali i linfociti scendono troppo, siccome questi
aggrediscono il tumore, si verificherà un incremento della velocità di
crescita del tumore dovuta alla riduzione di cellule del sistema
immunitario, oltre che un aumento del pericolo di contrarre infezioni. Se i
globuli rossi scendono troppo, il paziente sarà poi costretto a sottoporsi a
trasfusioni di sangue. Ecco perchè è importante che la dieta povera di
proteine e l'ingestione di bicarbonato di sodio, vengano usate sotto
controllo medico anche se il paziente non sta seguendo la chemioterapia: Il
medico effettuerà il conteggio degli elementi corpuscolati del sangue
(globuli rossi bianchi e piastrine) che se scendono sotto un determinato
numero, indicheranno al medico di sospenderle.

IMPORTANTE: In caso di leucemie, linfomi, castleman, o qualsiasi altra
patologia che da proliferazione anomala dei globuli bianchi, la dieta povera
di proteine o l'ingestione di bicarbonato di sodio dovrebbero essere
sconsigliate. Solitamente nei pazienti con proliferazione anomala dei
globuli bianchi si verifica la distruzione dei globuli rossi e di
conseguenza la necessità di sottoporsi a trasfusioni di sangue, e siccome la
dieta povera di proteine o l'ingestione di bicarbonato di sodio dovrebbero
avere l'effetto di rallentare la produzione di globuli rossi da parte del
midollo osseo, queste peggiorerebbero la situazione riducendo ancor più il
numero dei globuli rossi.


EFFETTI COLLATERALI:

IMPORTANTE: Non assumere bicarbonato di sodio e non seguire una dieta povera
di proteine (ipoproteica) se in stato di gravidanza.

IMPORTANTE: Ritengo pericolosissime le iniezioni di bicarbonato per via che
si decompone liberando biossido di carbonio, può causare embolie.

IMPORTANTE: Diffidate da medici o presunti tali che praticano cure contro il
cancro alternative alla medicina ufficiale, che chiedono somme di denaro
esagerate, o che sconsigliano di sottoporsi a cure riconosciute dalla
medicina ufficiale.

IMPORTANTE: Il bicarbonato di sodio non può generare ioni idrossido in
concentrazione tale da distruggere le cellule neanche se usato in altissime
concentrazioni; Ciò significa che è inutile ingerire elevate quantità di
bicarbonato sperando di distruggere le cellule cancerose; Non significa
invece che siccome non distrugge le cellule può essere assunto in quantità,
anzi, non fatelo! non ingerite elevate quantità di bicarbonato di sodio, è
pericoloso! Teoricamente se si ingerisce, assume anche solo per via orale,
consistenti quantità di bicarbonato di sodio, ciò dovrebbe causare embolia:
L'eccessiva presenza di ioni bicarbonato nel sangue renderebbe probabile la
formazione di bollicine di gas CO2 che ostruirebbero i vasi sanguigni (Il
bicarbonato potrebbe decomporsi liberando biossido di carbonio).

Chiedete al vostro medico quando e in che quantità ingerire il bicarbonato
di sodio.

In teoria, se si assume per lungo tempo, il bicarbonato dovrebbe dare
assuefazione, cioè, l'organismo abituato ad assumere regolarmente
bicarbonato, tende a compensare lo stato di alcalosi via via sempre più
rapidamente, e l'improvvisa interruzione della regolare assunzione di
bicarbonato dovrebbe, in teoria portare acidosi. E dovrebbe portare anche
gastrite (causata da maggior secrezione di acido cloridrico nei succhi
gastrici). Quindi se assunto per lungo tempo e si vuole sospenderne
l'assunzione, occorre farlo gradatamente e non di colpo.

--- Da enciclopedia ---
I pazienti che soffrono di ipertensione o di insufficienza cardiaca non
dovrebbero assumere antiacidi ad alto contenuto di sodio; nei soggetti
anziani alcuni antiacidi possono provocare problemi renali o confusione
mentale.
--- Fine ---

E il bicarbonato di sodio è un antiacido ad alto contenuto di sodio.




Reply With Quote
  #2  
Old 09-08-2010, 03:11 PM
Pipette Filler
Points: 6, Level: 1 Points: 6, Level: 1 Points: 6, Level: 1
Activity: 0% Activity: 0% Activity: 0%
 
Join Date: Sep 2010
Posts: 3
Thanks: 0
Thanked 0 Times in 0 Posts
Default Re: Bicarbonato, dieta ipoproteica e cancro

Io non sono un medico ma la so in modo diverso .
Per capirsi , ciò che scrivi non dovrebbe essere esatto .

Vedi riferimento Libro Dott. Giuseppe Nacci . mille piante per guarire dal cancro senza chemio .

Parlare di proteine e di bicarbonato sono 2 cose completamente diverse .

In particolare ...
La chemio è più efficace perchè è citotossica , significa che uccide sie le cellule malate che le cellule sane , i danni sono inquantificabile ma incredibile per giustificarne l'uso ...

In sostanza la chemio non è una medicina , ma un veleno .
se controlli i componenti da cui è formata (i vari farmaci) sono quasi sempre riconosciuti essere cancerogenti .
Per riferimento consultare il prospetto per i medici interni del ministero della salute ove vengono spiegate pure le varie complicazioni accadute ai medici per il solo contatto .
Fra le varie , mutazioni genetiche , perdita del feto,etc.
PER IL SOLO CONTATTO.

La chemio non da certezza di eliminare il tumore al 100% , ha una buona capacità nel farlo , ma nessuna certezza .
più è pesante , più danni fa al corpo del paziente , con tutte le conseguenze del caso .

Non a caso, capita spesso che ci sia recidiva, questo perchè se da un lato ha ucciso parecchie cellule cancerose , dall'altro ha pure distrutto le nostre difese immunitarie (certo come l'aria che respiriamo).

Ma medicina ufficiale sostiene che le cellule sane resistono più delle malate , il problema è che le recidive confermano che ciò non accade .
I ceppi resistenti del tumore ricresceranno più forti ed indisturbati , causa difese immunitarie distrutte .

Stiamo considerando il caso solo chemio -

per questo , in genere seguono altri cicli e per questo prima o poi le difese immunitarie collassano (se non ha la fortuna di guarire )e alla lunga si avrà pure necessità di stimolazione delle stesse (quelle che la chemio ha decimato).

questo perchè la chemio è un veleno e non è selettiva .

se quindi la domanda è c'è qualche cosa di più potente ? la risposta è NO !
Cosa può esserci di più potente che avvelenare una persona con farmaci cancerogeni sperando che tutte le cellule cancerogene muoiano e quelle sane ne risentano il meno possibile .

Non è curare è un terno al lotto . ma questa è la REALE SOSTANZA .

----------

Proteine -
Le cellule cancerogene hanno un metabolismo molto più elevato rispetto le sane (70 volte superiore), non è solo una questione di proteine quindi .

Nella pet iniettano una soluzione zuccherina proprio perchè le cellule sono avide di zuccheri e con la pet si ha modo di seguire l'accumularsi dello stesso nelle masse tumorali .
quindi non si parla di sole proteine .(dedi libro gratuito del Dott. Nacci)
per evitare o rallentare la replicazione cellulare si agisce tramite diete, le quali dovranno abbassare la quantità di proteine (leggere bene questa parte sui 9 enzimi necessari per formare proteine), una persona dotta , può riuscire conoscendo le proprietà del cibo ,ad assumere una dieta in prevalenza energetica(8 aminoacidi) limitando le proteine al minimo necessario per la propria salute .
lo scopo è levare nutrimento al tumore , ma per evitare di dimagrite o venire attaccati dal tumore(muscoli) si deve mantenere in forma il proprio corpo , in sostanza sarebbe il nostro corpo a ricercare proteine per gli sforzi fatti e li andrebbe a ricercare anche nel tumore stesso .
Importante nella protezione l'uso di olio di lino (omega 3) DHA in particolare (vedi studio pardini Lung Cancer Cured With Omega-3 Fats

PPP.naturalremediescures.com/2008/08/lung-cancer-cured-omega-3-fats/

eliminate 2 masse tumorali da un polmone in 4 anni solo con assimilazione di elevate dosi di DHA).

Per capirsi il DHA anche se fluidifica molto il sangue, mangia le masse tumorali, le disintegra ...riesce a penetrarle.
una fantastica dieta stile nacci aiuta in questo , controllando che le proteine totali rimangano sempre sopra la soglia minima .

Si capisce , che le vitamine, i principi naturali quali l'aloe etc ... siano meno potenti rispetto alla chemio .

Ma questi al contrario sono selettivi, non danneggiano il nostro corpo e funzionano vedi brevetti ALOE - EMODINA Teresa pecere università di padova

PPP.labmarketing.it/incorso/markclub/giorn_studi_ricerche/pecere.ppt

quindi parlare di innefficacia delle terapie naturali in presenza di cicli di CHEMIO è un NON SENSO !!!

Avvelenare una persona con prodotti cancerogeni e poi sperare che qualche vitamina recuperi la sitazione è STUPIDO , chi lo scrive non ha proprio idea di quanto aggressiva sia la CHEMIO ...

per questo le terapie naturali sono anche più lunghe e lente nel produrre risultati , quando li producono .
Sarebbe semplice dire che VI ridurrà la massa di 10 cm che avete nel polmone per aver fumato tutta una vita ... ma non è così semplice anchese pardini , senza chemio , c'è riuscito e lasciando il paziente consumare una dieta povera di olii che non fossero olio di oliva(omega 9) e olio di lino ... ed aggiunta di pastiglie di EPA e DHA in rapporto adeguato vedi studio.

Il bicarbonato viene usato in riferimento a simoncini e evito di parlarne perchè non ho esperienze a proposito anche se, pare funzioni ma sia più invasivo e rischioso delle terapie naturali .

Qualsiasi storia che riporti crollo dei globuli bianchi(difese immunitarie ) etc .
non sarà mai imputabile ad una corretta dieta alimentare (vedi nacci) ma il risultato dell'uso di chemio.(andatevi a vedere cosa è la chemio )

se poi volete renderVi contro delle statistiche REALI di efficacia della chemio a 5 anni questo è uno studio che CHIARISCE bene chi non ha le idee chiare sul totale fallimento della chemio .

Si , per certi tipi di tumori , specie quelli molli, la chemio ha percentuali superiori(vedi tabelle) ma tutti gli altri ? che fatalità sono i peggiori ... chi li cura ?

Solo per informazione, nessuna presunzione, verificabile ovunque volendo andare a fondo alla REALTA'
Reply With Quote
  #3  
Old 09-08-2010, 03:18 PM
Pipette Filler
Points: 6, Level: 1 Points: 6, Level: 1 Points: 6, Level: 1
Activity: 0% Activity: 0% Activity: 0%
 
Join Date: Sep 2010
Posts: 3
Thanks: 0
Thanked 0 Times in 0 Posts
Default Re: Bicarbonato, dieta ipoproteica e cancro

PPP//fiocco59.altervista.org/ALLEGATI/MORGAN.PDF
Reply With Quote
  #4  
Old 09-08-2010, 03:25 PM
Pipette Filler
Points: 6, Level: 1 Points: 6, Level: 1 Points: 6, Level: 1
Activity: 0% Activity: 0% Activity: 0%
 
Join Date: Sep 2010
Posts: 3
Thanks: 0
Thanked 0 Times in 0 Posts
Default Re: Bicarbonato, dieta ipoproteica e cancro

Nota ,

Il Dott. Nacci è stato sospeso per la sua volonta nell'opporsi all'uso della chemio Vs i pazienti .

Ma i suoi lavori sono liberamenti scaricabili gratuitamente in questo sito .

ci sono innumerevoli studi , tipo quello di pardini e molti altri a supporto di quanto scritto .

ppp.erbeofficinali.org/dati/nacci/index.php
Reply With Quote
Reply

Tags
bicarbonato , cancro , dieta , ipoproteica


Thread Tools
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Trackbacks are On
Pingbacks are On
Refbacks are On

Forum Jump

Similar Threads
Thread Thread Starter Forum Replies Last Post
Vaccino ...cancro all'utero=business G. Paolo Forum Biologia 0 06-21-2007 01:09 PM
cancro e bicarbonato G. Paolo Forum Biologia 1 05-28-2007 09:38 PM
Yin e Yang G. Paolo Forum Biologia 42 07-11-2006 06:10 PM
Pericoli con bicarbonato e dieta ipoproteica contro il cancro. Tizio Forum Biologia 1 11-14-2004 09:23 PM
Precisazione Tizio Forum Biologia 4 11-14-2004 02:09 PM


All times are GMT. The time now is 03:35 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright 2005 - 2012 Molecular Station | All Rights Reserved
Page generated in 0.18050 seconds with 16 queries